la carta d'identitą del sindaco
IL PORTALE DI PAPILLON DELLA DENOMINAZIONE COMUNALE

 
 
 
  • 15/01/2014 La De.Co. č una comedia

    La proposta è arrivata da un giornalista alessandrino, Massimo Brusasco: fare una De.Co. ...

 
 
 

19 dicembre 2014 - NEWS

SI chiude un anno che ha visto moltiplicarsi il numero di De.Co. in tutta Italia e soprattutto si sono interessati al fenomeno alcuni capoluoghi con diverse località della provincia. Ad oggi però non è ancora possibile determinare il numero di De.Co. in tutta Italia (500? 1000?), non esiste un censimento su scala nazionale. Ma soprattutto quello che manca ad oggi è una definizione chiara di De.Co. (vige ancora la confusione con i marchi, e non non ci stancheremo mai di ripetere che non si tratta di un marchio) e un modello di riferimento a livello nazionale. Per questo il 2014 si può definire un anno tra luci e ombre. L’appuntamento è quindi per il 2015 in cui ci presenteremo con una novità in tema De.Co. Intanto vi lasciamo con un’immagine che rappresenta una delle ultime De.Co. approvate durante l’anno: Gelindo, una “divota commedia” che il Comune di Alessandria ha voluto inserire nel suo patrimonio. Accanto all’esempio di Gelindo, sempre in provincia di Alessandria, ha preso piede a Casalcermelli la De.Co. sulla “Questua delle uova” (una tradizione che si lega alla Pasqua). insomma quello che appare è l’idea della De.co. come fatto culturale legato alla cultura materiale in tutte le sue forme. Ne riparleremo!

19 dicembre 2014 - NEWS

Ecco una carrellata degli ultimi prodotti che abbiamo scoperto essere diventati De.Co. cominciamo dalla provincia di Verbania e più esattamente dal comune di Montecrestese che ha riconosciuto gli gnocchi di patate cucinati in occasione della sagra che ogni anno, a fine agosto, attira migliaia di persone in questo borgo dell’Ossola. Spostandoci a Casal Cermelli troviamo il cavolo detto di San Giovanni, una semente recuperata e risalente al XVI secolo. Nel parmense a Bardi possiamo incontrare quattro specialità della cucina: i cruzetti, la torta di verze, la picaja e i panetti di Pinoeu. A Sesto Calende, in provincia di Varese, sono stati proclamati De.Co. i ravioli con il persico di lago e i gamberi di fiume, in Sicilia a Monreale è in fase di approvazione la delibera per i biscotti locali, nel mantovano a Curtatone il cotechino.

 
 
 
Associazione Club di Papillon - Sede legale: via della Maranzana 62, 15121 Alessandria
Sede operativa: via Roberto Ardigņ 13/b, 15121 Alessandria - CF 96015830068 - Cookie Policy